IMPORTANTE LEGGERE

I testi scritti in questo blog, fin dal 2013, sono stati tutti scritti da Boanerges, non ci sono testi di altri autori, per tanto tutto il materiale qui presente, che siano interpretazioni: di profezie, messaggi, o scritti nuovi come messaggi, preghiere, ed altro, sono tutti soggetti a copyright, è vietata tassativamente la copiatura a scopo economico o per gloriarsi di quello che non è vostro.

E' accettata la lettura e la divulgazione previa intestazione del medesimo autore, me medesimo J. Boanerges Yhwhnn e con link che porta al blog da cui vengono presi i testi, senza la quale non autorizzo nessuno a nessuna divulgazione.

© copyright

©

Quest’opera è protetta dalla legge sul diritto d’autore. Tutti i diritti, in particolare quelli relativi, a qualsiasi pubblicazione inedita scritta in questi blog , alla sua produzione-realizzazione anche fisica, alla ristampa, alla traduzione, trasmissione radiofonica, televisiva, alla registrazione su microfilm, o database, o alla riproduzione in qualsiasi forma, (stampata o elettronica) rimangono riservati anche nel caso di utilizzo parziale o estrapolati i concetti da essa. La riproduzione di quest’opera, anche se parziale è ammessa solo ed esclusivamente nei limiti stabiliti sul diritto d’autore, ed è soggetta all’autorizzazione dell’autore. La violazione delle norme comporta le sanzioni previste dalla legge vigente in materia.



Per qualsiasi controversia contattare l’autore stesso

Boanerges573@gmail.com

mercoledì 21 ottobre 2015

LOCUZIONI VERE O FALSE?

LUCUZIONI  INTERIORI  VERE  O  FALSE?

Come si può capire quando una locuzione è vera e quando è falsa?

Vediamo di capire cos’è la locuzione interiore in breve, dato che avevo già scritto di queste.

In sostanza sono percezioni mentali  nella quali il soggetto pensa o crede di aver percepito una voce o istantaneamente un discorso o un concetto; l problema della bontà o attendibilità di  queste locuzioni sta nel fatto che, più il soggetto è acculturato, più conosce le sacre scritture, o ha una cultura di un certo livello e più esso difficilmente ha locuzioni non scevre(libere) da suoi pensieri, mi spiego meglio. Se un soggetto crede o dice  di aver percepito un certo ragionamento o pensiero non suo, può accadere che questo stesso pensiero che egli dice non essere suo, sia in realtà proprio suo. È molto difficile stabilire l’autenticità delle locuzioni interiori, perché queste sono fortemente influenzabili dal sentire personale, spesso le stesse locuzioni sono infiorate, ritoccate dalla mente dello stesso soggetto ricevente, in questo modo le locuzioni che possono essere anche derivate da soggetto soprannaturale si trasformano in false locuzioni, perché la mente le rimaneggia sia per volontà diretta che involontariamente. Oppure possono essere locuzioni totalmente false, dove il soggetto ricevente inventa di sana pianta ed elabora un pensiero fatto poi passare per una locuzione interiore, basta dichiarar che è una locuzione, nessuno che non possegga lo Spirito Santo potrà contraddire la dichiarazione di un soggetto che dica, di aver ottenuto tale testo mediante locuzione, non c’è modo nella normalità per conoscere la verità, a meno che non s’intenda ipnotizzare il soggetto mediante ipnotico farmacologico.

Le vere locuzioni sono molto rare, perché seguono una precisa logica e accadono soprattutto a soggetti non molto acculturati, spesso con un grado di ignoranza da marcato a medio, a soggetti spesso molto giovani, ma alle volte anche di età adulta.
Naturalmente c’è sempre il problema se la trasmissione dell’idea, pensiero, discorso ecc, da parte dell’entità non venga assoggettata al pensiero o alla volontà del soggetto ricevente, diciamo che una vera locuzione ha molto più credito se il soggetto ricevente è molto giovane, cioè un bambino, che non sa e non conosce gli aspetti della dottrina, di molte cose della vita, e non ha un suo pensiero ideologico,  filosofico, politico, di simpatia verso qualsiasi soggetto, ecc, per cui non ci sia nella sua mente alcuna interferenza conoscitiva della vita reale. Se la locuzione accade con questi parametri essa è autentica. Ma allora bisogna verificare se essa è stata scritta o ricevuta da quel soggetto e non è stata per caso proposta ad soggetti adulti nel senso che alle volte gli adulti scrivo di loro pugno delle idee fatte passare per locuzioni e poi dicono che  il loro figli l’ha ricevuta facendo affidamento che il bambino poi non se lo ricordi, queste sono furbate, ma si può capire se ciò è vero, perché generalmente quel bambino è in grado di rispondere ad altri domande senza la presenza di quegli adulti, perché lo spirito trova terra fertile nel bambino che non nell’adulto. Se è vero che il bambino è portato ad avere locuzioni, allora lo manifesterà sempre.

Quali sono i pericoli delle locuzioni interiori?

Il pericolo maggiore è di natura spirituale, perché ovviamente più un soggetto è attivo spiritualmente più esso può essere catturabile da qualsiasi entità, benevola o malevola.
Questo avviene sia nei bambini che negli adulti, solo che nei bambini è più facile che essi cadano nella trappola del maligno anziché gli adulti che in qualche modo riescono a capire dove può essere il pericolo, un bambino no.
Il bambino però ha a suo vantaggio la sua purezza che lo protegge da attacchi demoniaci, per cui se da un lato non ha la facoltà mentale di capire dall’altro ha una protezione intrinseca.
Ovviamente una locuzione interiore a carattere satanico è ingannatrice, può accadere che se essa è fatta bene il soggetto e i soggetti che poi ne prenderanno visone siano anch’essi ingannati, senza che nessuno se ne accorga.
Ricordiamo che i demoni possono facilmente farsi passare per angeli, per Dio e per la Vergine S.S.ma
Altri pericoli sono dettati dalla volontà dello stesso soggetto ricevente che pensando di far bene, tenta in qualche modo di interferire o interagire con gli esseri umani, producendo false locuzioni al fine di instradare l’essere umano verso una direzione, magari negando anche l’evidenza dei fatti, attorno alle persone, o lo stesso comportamento di altre. Quindi anche in questo caso centra il maligno che però ne rimane sostanzialmente estraneo alla cosa, anche se è certamente colui che pungola l’essere umano a creare queste locuzioni.
Non diamo sempre colpa al maligno per ogni cosa, così non diamo sempre colpa a Dio per altre cose, spesso la colpa è unicamente per volontà umana.
Quindi in sostanza bisogna chiedere al soggetto ricevente se ha simpatie personali verso qualcuno, tipo il pontefice, qualche nazione, ecc questo serve per capire se le locuzioni che si riceveranno possono essere tendenziose, cioè create dal soggetto stesso, se esso è adulto, molto frequentemente queste locuzioni sono “date” ai soggetti adulti, anziché bambini, e qui la questione è un po’ curiosa.

Può una locuzione interiore essere contaminata? Si!

Cosa la contamina?
Sia da pensieri personali che da entità maligne.

Un locuzione interiore può essere l’anticamera di una possessione, vessazione, ecc?
Si, alle volte.

Quali soggetti sono più predisposti?
Non esiste un quali, esistono persone che si lasciano prendere dallo Spirito, bisogna far attenzione anche alle famiglie che sono “buone credenti” perché non è detto che essendo credenti non possano essere soggette ad attacchi satanici, anche le famiglie migliori, possono essere soggette a pensieri e locuzioni negative o ingannatrici. 

In conclusione:
Personalmente prenderei le locuzioni interiori sempre con le pinze, perché non si sa, se siano vero pensiero di Dio o vero pensiero del soggetto, che mira a fornire un informazione errata, per indurre l’essere umano a portare avanti una certa linea di pensiero anche personale che non è nemmeno quella giusta.







Importante!

Ho sempre scritto che personalmente divido i testi che Dio da me, da quelli che non sono dati da Dio a me, apponendo al testo il termine Messaggio, per far capire che il testo viene da Dio, mentre dove non vi è scritto"MESSAGGIO" sono io che scrivo e quindi da prendere con le pinze, non farò mai come facevano i profeti di un tempo che mescolavano i loro pensieri ai testi ricevuti da Dio , per cui tutto diveniva di Dio, anche le eresie, poi insegnate anche attualmente dalla chiesa ai successori."Bisogna anche dire che data l'istruzione che ricevetti da Dio fin da bambino, è indubbio che alle volte faccio uso di essa, però posso sempre errare, non sono Dio!