Informativa per il pubblico

Google informa quanto segue, inoltre Ai gestori della rete Blogger di Google, io confermo tutto, solo che non so mettere mano al codice fatelo voi. °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° "Il diritto dell'Unione Europea ti impone di informare i visitatori provenienti dall'UE sui cookie utilizzati e i dati raccolti sul tuo blog. In molti casi, le normative ti impongono anche di ottenerne il consenso. A titolo di cortesia, abbiamo aggiunto una nota al tuo blog per spiegare l'uso da parte di Google di determinati cookie di Blogger e Google, compresi i cookie Google Analytics e AdSense e altri dati raccolti da Google. Spetta a te confermare che questa nota sia effettivamente visualizzata sul tuo blog ed efficace. Se utilizzi altri cookie, ad esempio tramite l'aggiunta di funzioni di terze parti, questa nota potrebbe non essere sufficiente per te. Se includi funzionalità di altri provider, è possibile che vengano raccolti ulteriori dati sull'utente. Scopri di più su questa notifica e sulle tue responsabilità."

sabato 25 novembre 2017

NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE



NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE 



Non c'è anno che passa che non si cerchi di arginare la violenza contro le donne, ad ogni legislatura la politica cerca di far la sua parte introducendo leggi e norme per tentare di porre fine a queste violenze psicologiche e fisiche, purtroppo da quanto stiamo assistendo questo fatto pare essere intrinseco nelle nostra società, come anche in tutte le popolazioni del mondo, dove la donna spesso è considerata meno che un cammello, vedasi l'Islam, ma anche le popolazione più avanzate trattano ancora la donna come essere inferiore, anche se si dice che siamo moderni, ma sotto-sotto, l'uomo ama troppo sentirsi superiore in tutto, spesso la donna è considerata solo la riproduttrice o il mezzo del divertimento sessuale, del piacere del maschio, o al massimo madre dei figli o la casalinga, quasi un oggetto incapace di prendere una decisione seria, fino ad arrivare a considerare la donna alla stregua di una schiava o una sguattera, molti uomini anche nella società moderna trattano le donne proprio in questo modo, senza nessun rispetto sia per il lavoro che costoro fanno, ne per le loro idee, e tanto meno per il ruolo che costoro occupano, sia ai bassi che alti livelli. I maschi sono sempre ai vertici di gran parte delle società e delle nazioni nel mondo, mentre ruoli della donna sono sempre considerati inferiori e rilegati nelle retrovie, solo nelle nazioni dove si considera la donna con maggior rispetto, si hanno donne presidenti di uno stato o regine. 

In tutto il mondo la donna conserva sempre la sua prerogativa di essere il mezzo del godimento sessuale della società maschile, lo si evince dai commenti che i maschi riservano verso di essa, sempre inesorabilmente di stampo razzistico o sessuale, ben poche volte si sente un uomo considerare una donna alla pari del maschio. Purtroppo c'è anche da dire che la società maschile ha fatto delle donna un culto sessuale, un insegna, un manifesto, un simbolo, uno status sociale, da ciò scaturiscono le violenze sessuali, verbali, e psicologiche su di essa, per aver ed ottenere l'appagamento che tutti i maschi desiderano. 

L'abbondante diffusione di immagini pornografiche, dove la donna è il simbolo per eccellenza della bramosia dimostra come il maschio, fa i salti mortali per ottenere le attenzioni della donna; portando i suoi desideri all'estremo, spesso perdendo la testa per essa, portando il maschio ad agire contro la legge e prima di tutto contro la donna stessa, che sia bambina, giovane o adulta. Oggi poi la violenza contro la donna si spinge anche verso la donna anziana e questo è fatto spesso dai popoli che vengono dal medio-oriente dove appunto la donna non conta nulla, meno di una gallina, per cui tutte le donne diventano uguali agli occhi di certi uomini. 

In questi giorni si "festeggia" La campagna contro la violenza sulla donne, nella Giornata internazionale  . L'orrore più grande è la violenza e le sevizie psicologiche e fisiche fatte verso le bambine/i  rese schiave/i  in certi paesi del mondo, da leggi barbare, che oggi giorno si vorrebbe imporre anche all'occidente, quando la nostra tradizione religiosa cristiana ci insegna il rispetto e l'eguaglianza proprio tra i sessi e il rispetto della donna tanto quanto, quella verso l'uomo. 

Nessun libero pensatore che consideri la donna alla pari, potrebbe mai pensare e considerare la donna inferiore, paragonarla ad un mulo, ad un cammello ad un essere senza cervello, anche se questa fosse poco istruita. La donna deve essere rispetta comunque sia, indipendentemente dalla sua pelle, origine, cultura, società a cui appartiene, dal suo pensiero politico, dalla sua religione, dalla vita che fa e ha deciso di fare, insomma se l'uomo pretende di essere approvato in ogni cosa e accolto sempre positivamente dalla donna, perchè mai l'uomo non agisce verso al donna nello stesso modo? 

Se veramente siamo una società liberale, che vuole livellare tutto su uno stesso piano, dove la donna e l'uomo abbiano realmente lo stesso peso, politico, religioso, culturale, psicologico, etc, perchè mai non comportarsi di conseguenza? 

Ed invece ad ogni generazione che sorge, i problemi atavici si presentano sempre puntualmente eguali da sempre, come se nel DNA maschile, esiste un atavica volontà di schiavizzare e sottomettere qualsiasi essere umano che l'uomo ritiene debole o secondo la mentalità del maschio divenire di proprietà di esso, come se il femmine fosse una proprietà e non un essere umano, alla pari di cani, gatti, galline, cavalli o altro. 

Esistono molti uomini anche nella nostra Italia che la pensano esattamente così, sposano donne anche di altri paesi, al solo scopo di renderle schiave per una vita, magari derubandole dei loro averi e il loro insegnamento-comportamento si riflette anche sui figli, perchè il maschio comportandosi in un certo modo, agisce sulla debole psiche dei figli, specie maschi, che rispecchiano quel suo carattere e quel suo razzismo, diventando anch'essi cloni di quel padre padrone e un giorno anch'essi si ribelleranno alla madre, diventando aguzzini a loro volta, ecco come si perpetra il danno verso i figli e nella società. C'è anche un secondo problema l'omertà tra i maschi e il comune pensare, una certa affinità di pensieri e un certo vedersi simili agli altri, anche tra giudici,  magistrati, avvocati, psichiatri, medici, ogni genere di altro laureato, o non. Tra maschi esiste sempre un certo intendimento su certi argomenti, per cui è veramente difficile poter sconfiggere questa piaga, finché nulla si farà di veramente utile e non si porranno leggi stringenti, molto più severe e molto più ferree. Come possiamo arginare tutto questo? L'educazione basta? 

Se non si cambia e non si annulla mediante l'istruzione questo istinto intrinseco nel maschio di schiavizzare il debole, fin da giovanissimo, tutte queste battaglie che le donne di anno in anno e decennio in decennio e io direi di secoli in secolo, non cambieranno mai e il problema rimarrà fisso nel tempo, battaglie, perse in partenza, perchè tutto dipende dall'educazione, dall'etica, dalla morale, che oggi giorno la società più di un tempo ha letteralmente perso. 

Quando nella nostra società si è deciso di abbatte il freno, che riduceva queste violenze, ecco che si è via via manifestato in tutta la sua brutalità, la violenza maschile; se si toglie la fede, la religione in Dio e nel Suo Cristo, ecco che quello che c'è di peggio nell'uomo emerge e diventa sempre più visibile, sempre più reale. L'introduzione  nella nostra società della cultura-religione islamica, ha ampiamente aumentato il problema, perchè da un lato si vorrebbe tutelare la stessa società islamica e dall'altro la donna occidentale. 

Queste due realtà sono nettamente in contrapposizione, l'una all'altra, la società islamica pone le sue basi sulla loro religione, che considera la donna ne più e ne meno che una schiava, mentre la nostra società la vuole liberalizzare, questo crea una notevole spaccatura in essa, non possiamo noi società occidentale essere noi stessi soggiogati da una religione schiavista, e al tempo stesso desiderare che la donna sia libera dalla schiavitù è una contraddizione in termini logici; dobbiamo deciderci, cosa realmente vogliamo, perchè oggi vige solo tanta confusione. 

Temo, che queste manifestazioni non servano ad un granché, perchè la donna non verrà mai considerata realmente alla pari del maschio, c'è tutto un tessuto vitale maschile che ne nega affettivamente la parità, anche se poi a parole e con le leggi si tenta di rimediare, ma sotto-sotto, il maschio si considera e si considererà sempre superiore ad essa. 


IO DICO NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE, 
SIA FISICA, VERBALE E PSICOLOGICA.

Ma devo essere onesto temo che questo annoso problema rimarrà per sempre, l'anno in cui le donne non diranno più abbiamo subito violenza, sarà l'anno del cambiamento, ma fin tanto che tutto questo perdurerà, nulla verrà cambiato, alla donna verrà consentito di manifestare e di criticare, ma nel profondo nulla cambierà, bisogna essere obbiettivi e guardare in faccia alla realtà, non fingendo e non prendendosi in giro, perchè or-ora è quello che sta avvenendo. Tecnicamente e nella volontà tutti siamo concordi, ma poi nulla cambia, se non piccole cose e piccole realtà, il problema è antico come il mondo.


SE L'UOMO USA VIOLENZA SU UNA DONNA, ESSO FA VIOLENZA SU SE STESSO. 

Perchè la donna poi sarà madre di un uomo; qual'è l'uomo che vuol nascere da una donna violentata? Che porterà con se i segni di quella violenza e che uomo nascerà da essa, quali traumi verranno riversati su di esso? E a quale genere di società darà luogo? Una società che poi rifarà verso altri ed altre gli stessi errori fatti dai genitori.

Se nelle scuole non si insegna il rispetto e non si insegna l'eguaglianza tra i sessi, senza però far confusione di genere, allora le leggi non serviranno assolutamente nulla, perchè una società libera e sana nasce prima di tutto dall'istruzione che ai figli si dà.  Dio è un buon Padre che insegna ai suoi figli con amore, ma anche con rigore, se non si ha in se il seme della giustizia e della verità, come si può insegnare i valori giusti, se la società non li possiede più? Non si può, ecco che oggi si concretizzano tanti misfatti contro le donne e contro i più deboli.

UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA

In questi giorni e nei prossimi l'Italia intera piangerà i suoi morti, persone portate via in un istante dalla vita, dagli affetti...