giovedì 10 agosto 2017

L'OMOSESSUALITÀ' NELL'ESERCITO!

ILLOGICITÀ' E COMPORTAMENTI ANOMALI



Tutti sanno che l'essere umano è uguale sia fuori che dentro ad uno stato, sia nel mondo civile che in quello militare e religioso. Una volta lo chiamavano  nonnismo, oggi la presenza dei gay presso l'esercito è oramai un fatto chiaro e definito, salvo che non accettato dalla popolazione, da un lato abbiamo che i militari vogliono un esercito misto di "normali" e di gay, dall'altro però gli stessi gay, non vogliono che qualcuno li identifichi come tali specie i civili, per cui se qualcuno s'accorge o manifesta atteggiamenti omosessuali nell'esercito verso qualche civile, i militari faranno di tutto anche carte false per celare e nascondere questa realtà scottante. Barak Obama, aveva spinto affinché l'esercito americano fosse aperto anche agli omosessuali, fino a fine 2016 nelle forze armate americane anche in Italia via era la presenza di soggetti con certe propensioni, ora con l'arrivo del nuovo presidente ha stoppato e bocciato questa idea riportando le forze armate statunitensi a quello che erano precedentemente, come descritto da questo articolo: Trump blocca transgender ,  il problema è che  attualmente i cambiamenti sono stati molti e che anche nella basi Italiane Nato Usa ci sono diversi di questi soggetti presenti. E nell'esercito Italiano come vanno le cose? pare da diversi articoli che anche l'italia sia sta uniformando all'idea generale di Obama, per cui i gay sono entrati a tutti i livelli , anche nell'arma dei Carabinieri sono presenti, in forma ancora celata e nascosta ma ci sono, come questo articolo dimostra. Quello che personalmente trovo strano è che essendo i gay presenti oramai in tutte le forze armate straniere ed Italiane, questi non abbiano il coraggio di affrontare il pubblico pensiero, e schiacciano chiunque posso in qualche modo mettere in evidenza queste loro relazioni.
E' un comportamento illogico e ridicolo, insomma loro vogliono essere omosessuali ma al tempo stesso temono il giudizio dei civili e in certi casi arrivano anche ad azioni coercitive verso costoro, pur di nascondere questo loro fattore, in sostanza vi è poca coerenza. gay-coming-out-ancora-paura_ Personalmente ho sempre pensato al militare come un uomo o donna dedito solo alla sua missione, e come simbolo delle famiglia normale, la gente effettivamente ha ancora questa idea, e non accetta che i militari specie in Italia siano gay, per cui i militari temono di più l'opinione avversa della gente che l'espulsione dell'esercito, ma questo modo di pensare nasconde meglio tra le forze armate persone con svariati problemi sessuali, che da un lato hanno queste propensioni e dall'altro si mostrano tutto il contrario di quello che realmente sono, anche "bravi padri di famiglia", sarebbe corretto ed onesto che manifestassero realmente quello che sono, e che la gente capisse cosa si cela e si è celato per tanti anni.

Quando un militare fa violazione della privacy?

Mi sorge però un pensiero, fin dove un militare arriva pur di nascondere al mondo la sua vera identità e propensione sessuale?
Cosa voglio dire, si sa che i piloti, di aero-velivoli specie caccia ed elicotteri sorvolano il territorio non solo per addestramenti, ma anche come supporto alle forze armate degli stati, come avviene in Italia, che gli americani danno supporto alle forze dell'ordine italiane, nella ricerca di illegalità e terrorismo.

Ora se qualcuno di questi, avendo in se stessi queste propensioni, e sappiamo bene che un omosessuale ha in se propensioni ad esserlo sempre, perché leggendo documentazioni psichiatrica in merito si evince che hanno comportamenti e attitudini e frenesie spiccate e quasi impossibili da trattenere in se stessi, per cui se ci fosse lo stimolo visivo e se qualcosa attira il loro occhio, quindi la loro fantasia, sono portati a comportarsi in modo pernicioso e ossessivo verso chiunque.

Facciamo un ipotesi, mettiamo che questi topgan, avvistino qualcuno che si espone nel proprio giardino chiuso e lontano da sguardi indiscreti, a prendere il sole vestito o nudo non ha importanza, e che inizino un martellante sorvolo su di esso, e concentrino tutti i loro addestramenti, su di esso, anche a bassissima quota al solo fine di farsi vedere e notare e continuino per giorni e giorni questo atteggiamento dire ossessivo e maniacale. Mettiamo per ipotesi che questi pensino che la persona potrebbe parlare con i vicini e quindi fare un'azione distruttiva della loro immagine di super uomini, per cui per tutelarsi portino fuori sia materiale che informazioni delicate sulla persona, senza comunicare eventualmente alle autorità competenti se esistesse qualche reato e bai-passandole; essi stessi facessero diffamazione sul territorio verso costui, producendo tutti gli effetti collaterali del caso e portando di conseguenza la popolazione a credere ad una falsità pur di non sentirsi colpevolizzati della loro eventuale omosessualità e ovviamente facendo così le parole eventualmente dette dal civile, diverrebbero non più attendibili dato che l'azione diffamatoria, produrre come effetto che esso non sia più attendibile al pubblico, diventano agli occhi della popolazione egli stesso un pervertito. Mi chiedo, se questo agire lede la privacy del civile, e se costoro possono in servizio portare fuori informazioni delicate su chiunque usando le stesse per distruggere la reputazione altrui. Mi domando se questo possa essere ascrivibile a qualche reato, e se il militare in servizio non sia invece obbligato a tacere su tutto quello che vede dalla sua posizione aerea e come ho detto, comunicare solo alle autorità se si ravvisasse un qualche reato che il civile possa fare nei confronti di un qualche genere di pubblico. Anche perchè oggettivamente parlando anche coloro che si recano al mare, ai laghi, sul greto dei fiumi, potrebbero incorrere nello stesso reato, di pubblica decenza, come mi pare vi sia scritto in una norma di legge, da quello che si sa, esistono anche spiagge nudiste, per cui si sa, che oggi giorno il nudismo non è più considerato reato. Ma se il topgan si comportasse in questo modo, e usasse le informazioni sensibili contro lo stesso civile si potrebbe effettivamente pensare ad un azione malevola atta a distruggerne la reputazione dello stesso, come ho scritto; mi chiedo il pilota che agisse in questo modo, potrebbe essere passibile di qualche sanzione, oppure come accade spesso proprio nell'esercito esso protegge i suoi membri da qualsiasi cosa, anche azioni degli stessi sconsiderate?

E il povero malcapitato come potrebbe difendersi da un'azione di questo tipo, dopo che la sua reputazione è stata messa alle berlina da tutti e distrutta effettivamente, ammettendo che il civile non sia colpevole di nulla e nemmeno che abbia mai parlato con nessuno, cioè divulgato lo strano atteggiamento dei piloti in questione.
Mi chiedo se lo stato Italiano ha leggi che proteggono i civili da simili insinuazioni?

E' assolutamente giusto che i militari, nella fattispecie piloti, debbano operare nel modo migliore possibile per tutelare il territorio, di questo sono d'accordissimo e quindi anche la popolazione, quindi ben vengano addestramenti, voli a bassa quota, ecc, ma se si dovesse incorrere in un azione distruttiva della reputazione di qualche civile questi se si dimostrasse la loro colpa, pagherebbero oppure l'esercito metterebbe tutto a tacere, come molto spesso accade, con un gravissimo danno per il malcapitato?


Io sapevo che i militari in servizio, non possono tassativamente portare fuori dai confini delle loro caserme alcun che sui civili e che se questo avvenisse, sarebbe una grave violazione non solo della privacy, ma anche una lesione grave del civile che come in questo caso ipotetico si troverebbe ad affrontare una diffamazione che certamente porterebbe a lui danni enormi, anche perché oggettivamente i piloti di questi velivoli, fotografano praticamente tutto e chi mi dice che questi non usino anche il materiale delicato per meglio agire sul pubblico, al solo scopo di tutelare se stessi e salvare le apparenze? 



Personalmente non ho nulla contro coloro che sorvolano le abitazioni e il territorio, anzi spesso è pure bello vedere le acrobazie che fanno e gli addestramenti a me piace veramente molto anche perchè ho sempre avuto un grande rispetto delle forze armate e dei militari sarà che in famiglia abbiamo avuto dei militari, però se queste ipotesi dovessero capitare, personalmente non mi sentirei molto al sicuro.

Mi ricordava un amico che i militari non possono essere giudicati da nessun tribunale, per cui si comprende che se prendono qualcuno di mira posso fargli quello che vogliono e la fanno pure franca, è una cosa veramente terribile.  Questo fa capire che i militari hanno un potere in se stessi, veramente pericoloso, per cui nell'ipotesi sopra la persona una volta maziata se lo tiene con tutte le conseguenze del caso. 

Io dico solo questo sarebbe bene che la popolazione si rendesse conto che anche nell'esercito esistono i gay e che essi si comportano come tutti gli altri che sono fuori di esso, per cui non vedo che ci si debba più scandalizzare se questi agiscono come tali, anzi ci si deve farsi l'idea che sono persone "normali" e che nessuno dovrebbe trattarli in modo diverso dagli altri, consideriamo che oggi la legge civile difende costoro, per cui perchè i militari non esternano liberamente il loro modo di essere invece di occultarlo e magari facendo passare gente ignara ed innocente per quelli che non sono? 

Ricordo che il trattato di Velsen di Eurogendfor parla di in modo dettagliato di quali poteri hanno a disposizione gli eserciti Nato perfino licenza d'uccidere, in pratica se cadi nella mani di costoro forse sarebbe meglio arrendersi all'idea di assecondarli che opporsi, e di conseguenza nell'ipotesi da me trattata sopra sarebbe meglio se il soggetto X, si lasciasse fare anche quello che vogliono che tanto non potrà mai più far nulla per cambiare la situazione e che questi continueranno imperterriti la loro azione, finché non sono stanchi. 


LA FINE DELL'ESTATE!

Le tre potenze del mondo RUSSIA, USA, CINA devono far il possibile perchè la guerra atomica non si manifesti, la smettano di litig...