mercoledì 19 luglio 2017

L'UTILITÀ DELL'ESERCITO.

Esercitazioni Militari




Dove abito ora da quasi una decina di anni, ho visto parecchie volte sorvolare la zona da elicotteri Apaches e caccia supersonici militari, provenienti base di Istrana o Verona, o Aviano ho visto però un atteggiamento da parte delle gente molto impaurito come se queste esercitazioni fossero una causa di disagio quando se ci pensiamo bene, anche i militari che siano Italiani o Americani dovranno pure addestrarsi e tener i mezzi in efficienza oltre che acuire sempre più esperienze di volo e abilità utili in un eventuale conflitto o anche in aiuto delle forze di polizia. 



Ritengo che un esercito che ti protegge deve in qualche modo addestrarsi sopratutto a bassa quota, visto che ad alta quota il volo è decisamente più facile, anche se non privo di rischi, e forse più pericoloso, perchè un mezzo che precipita da alta quota colpisce dove colpisce, mentre se un aereo supersonico o elicottero militare che sorvola a bassa quota ha problemi o guasti al limite ha sempre il tempo tecnico per valutare un atterraggio di fortuna in un campo o in un posto a minor impatto con le case. Dato che vivendo nell'alto trevigiano, nella zona pedemontana, sarebbe ovviamente corretto che i mezzi militari si addestrino sulle zone bassamente popolate, come per esempio il Montello, e tutta la zona appunto pedemontana e prealpina evitando possibilmente i centri abitati di una certa dimensione. sarebbe giusto che si creassero aree di pertinenza unica dell'aviazione dove queste possa sorvolare senza alcun problema e dove possa addestrarsi, diciamo vere autostrade del cielo, dove ovviamente sia vitato il sorvolo a bassa quota di mezzi civili, perchè ovviamente diverrebbero pericolosi per un uso promiscuo. Facendo un analisi della zona, la collina più adatta per questo genere di addestramenti secondo me è proprio il Montello, adatto per altro anche per addestramenti militari a terra, proprio la sua morfologia e struttura permetterebbe un adeguato addestramento.



Personalmente non trovo che la gente si debba preoccupare di vedere mezzi militari, anche sofisticati come gli Apaches, che peraltro io non li avevo mai visti dal vivo e a dir la verità mi sono anche piaciuti, perché li ho visti vermanete molto bassi saranno stati si e no 50 metri di altezza, solo che volano troppo veloci e non si riesce a guardali bene. Secondo me, la gente non si deve spaventare, oltretutto è bene abituarsi anche al loro rumore, in caso di una eventuale guerra che attualmente non è da escludere, per lo meno non ci spaventeremo più di tanto vederne di più e con un rumore decisamente maggiore, io la penso così. Oltretutto i militari affiancando le forze dell'ordine fanno prevenzione per tutelare la nostra sicurezza contro i criminali e terroristi, per cui ben vengano anche le esercitazioni a bassa quota. Non vedo il motivo che i mezzi aerei militari non possano sorvolare zone a bassa densità abitativa, si tenga presente che questi addestramenti servono a noi per tutelare il territorio in caso di conflitto e tutela del cittadino e quindi dopo tutto, non fanno nulla di male in tempo di pace.





Personalmente mi sono sempre piaciuti gli aerei e gli elicotteri, fin da bambino, forse sarà che ci giocavo, mi è rimasto un ricordo positivo, anche se sappiamo che sono mezzi che possono divenire pericolosi, ma se la gente che li manovra non è ben addestrata come possiamo pretendere di vantare un buon esercito che protegge la cittadinanza? Ovvio che poi possono accadere incidenti di qualsiasi genere se i piloti non sono ben addestrati, anzi sarebbe auspicabile che fossero molto addestrati, poi l'essere umano può sempre errare non siamo robot, per cui ben vengano i loro addestramenti a bassa quota a me non disturbano.






Può sempre capitare l'errore umano, ma questo è maggiore se mancano le ore di volo, specie a bassa quota che per altro è fondamentale sopratutto in situazioni di territorio difficile, cioè di valli e montagne, o con correnti d'aria turbinosa come avviene nelle aree pedemontane, anche la presenza di cavi e strutture varie rende difficoltosa la questione, ma maggiori sono le difficoltà di un territorio e maggiori sono le abilità dei piloti, ci vuole una maggiore attenzione anche se oggi i mezzi militari sono molto tecnologici e forniti di apparati di tutti i tipi per evitare ostacoli ecc, per cui sono anche abbastanza sicuri. Inoltre i sorvoli a bassa quota garantiscono una maggiore sicurezza contro i criminali, pattugliare il territorio è una cosa assai produttiva e una nazione come l'Italia che è presa d'assalto dai criminali di tutti i tipi è assai produttiva.



Il problema dell'esercito in tutti i paesi del mondo sta sopratutto nelle mani dei politici, che li obbligano a fare quello che vogliono, quindi l'esercito è il braccio armato di uno stato, se ovviamente i politici non hanno la testa ben piantata e sono un po pazzerelli, non si può dar la colpa all'esercito che deve fare quello che gli viene detto, specie nei paesi industrializzati occidentali, ben altra questione sono i paesi del medio-oriente. 




Aldilà che oggi giorno l'esercito potrebbe sembrare un elemento sorpassato a causa delle armi nucleari, ma in realtà se non si combattesse una guerra nucleare che personalmente non ha alcun senso logico, se non quello di distruggersi a vicenda e di irradiare per secoli i terreni e renderli totalmente improduttivi, oltre che ammazzare buona parte della popolazione mondiale, sarebbe senza ombra di dubbio meglio combattere una guerra aerea, terrestre o navale, piuttosto che far uso di armi nucleari. 



Oltretutto è anche da sciocchi smantellare gli eserciti e far affidamento solo ed esclusivamente sugli alleati, anche se questi oggi garantiscono una ottima base di protezione, una nazione che si chiama tale deve avere il suo esercito ben addestrato e fornito, per cui è stato un grande errore quello di disgregare l'esercito Italiano, anzichè potenziarlo e strutturalo in senso moderno del termine, non dimentichiamo che comunque sia l'esercito da lavoro a una parte dei cittadini, pare che questa operazione abbia invece creato problemi anche dal quel punto di vista. In pratica l'Italia è totalmente nelle mani degli alleati. 


Gli episodi accaduti sia recenti che in passato, di incidenti sono per lo più dovuti ad una mancanza di adeguato addestramento, se l'aeronautica in questo caso, potesse addestrarsi meglio sul territorio conoscendolo meglio, visto che l'Italia ha un panorama vario, tra monti, valli, pianure mari e laghi, città, ecc, ed essendo il paese specie in questi tempi molto battuto da forti escursioni termiche che provocano perturbazioni notevoli, creando situazioni difficili per il volo, non si può sperare che l'esercito possa essere ben addestrato se non gli si permette di sorvolare le aree dove almeno si possa addestrarsi, inoltre l'addestramento sopra le nubi è ben diverso da quello a bassa quota visto che le apparecchiature che montano servono sopratutto per vedere il territorio, capire la dislocazione del nemico, e identificare i soggetti su di esso e i loro spostamenti, come anche di valido supporto alle forze dell'ordine, nella guerra contro il terrorismo, volare sopra le nuovi sinceramente non ha molto senso, visto che serve solo per far acrobazie che sono poco utile e dire anche pericolose, oltre che per volere a velocità super e ipersoniche, ma altro non servono, molto più efficace è il volo a bassa quota sia per aerei che elicotteri, non capisco perchè lo stato non dia la possibilità di sorvolare le aeree a minor presenza abitativa, dove per lo meno costoro possano anche tutti i giorni addestrasi, anche a bassa quota. Notavo in questi giorni i sorvoli a medio alta quota come limitano notevolmente questi mezzi, nel poter controllare anche da vicino il territorio. E' impensabile che, chi deve controllare il territorio, in modo oculato e preciso lo possa fare da 10000 metri o più, anche se le apparecchiature sono sofisticate, ma certamente i movimenti di persone che si nascondo nella vegetazione o tra le case sono più difficili da vedere specie nei casi di criminali che sanno come ingannare anche questi mezzi. Mentre i sorvoli a bassa quota permettono un controllo più dettagliato, mirato, preciso e un vero addestramento, con tutte le difficoltà che ci devono essere, un conto è l'addestramento simulato che non è affatto uguale a quello dal vivo, le condizioni della simulazione servono solo per imparare a governare il mezzo, ma poi se non si conosce l'ambiante con le varie situazioni reali ed impreviste non si può certo dirsi bravi piloti e capaci nel districarsi, in tutte le situazioni possibili di qualsiasi genere di difficoltà. Le ore di vero volo, non simulato sono necessarie se vogliamo che il pilota sia ben preparato in qualsiasi momento e situazione e l'Italia proprio per la sua morfologia offre vari scenari, per far ciò bisogna permettere all'esercito, sia straniero che ci protegge che italiano di poter addestrarsi tranquillamente senza essere pressato dalla popolazione che alle volte scusatemi non capisce molto le necessità di tali addestramenti, se sapessero che è l'esercito e le forze armate che ci proteggono dai criminali e da questa invasione che ci sta distruggendo sotto tutti i punti di vista, come potremo dirci sicuri, in un paese dove a farla da padrone saranno i migranti, e dove le forze armate, o militari vengono schiacciate da politici che non sono poi tanto de grandi luminari, come credono di esserlo. Uno Stato si chiama tale solo se ha un esercito che lo protegge, quando l'esercito viene meno lo stato non esiste più, perchè nessuno protegge più la popolazione ne i confini della nazione da qualsiasi invasore. 


Osservavo in questi giorni, le evoluzioni in addestramento di combattimento simulato di due F16 della USAF, veramente spettacolari e molto bravi, spero veramente di vederne ancora; forse la presenza delle nubi chimiche prodotte appunto delle scie chimiche potrebbe avere anche una giustificazione logica razionale, quella che forse servano proprio ai piloti sia per eseguire addestramenti senza la presenza del cocente sole, e quindi più lunghi , perchè oggettivamente anche se hanno calotte sopra agli aerei che diminuiscono il calore solare, ma sussiste sempre una forte irraggiamento solare calorico e quindi per quanto schermati ma il caldo lo sentono eccome; appunto sarebbe giustificata la presenza e la produzione di nubi chimiche se gli addestramenti avvenissero sotto le nubi, sia che per mascherare i voli e gli "esperimenti" di alta quota, sarebbe l'unica giustificazione logica plausibile, che si può dare. II problema è che di voli sotto le nubi non ve ne sono mai molti; per cui anche se è logica la giustificazione, pare che questi nubi chimiche abbiano veramente come molti dicano un effetto ambientale diverso, parrebbe una vera manipolazione climatica. Se invece ci fossero più voli di addestramento sotto le nubi sarebbe in qualche modo spiegata l'esigenza di tali spargimenti di materiale poco salutare in atmosfera.



°°°°°°°°°°°°°°°°°


Dato che l'esercito è diventato anche un posto per donne, ma mi ponevo degli interrogativi, in base alle caratteristiche e alle differenze tra maschietti e gentil sesso, che oggi giorno in diversi casi hanno dimostrato di essere poco gentili. Visto che comunque sia a livello mentale le donne sono diverse, forse per certi versi un gradino in più, ma c'è sempre la solita competizione con i maschi per dimostrare di essere alla stessa altezza, ma secondo me è un grave errore che le donne facciano questo, credo invece che sarebbe bene che ognuno renda quello che è in grado di fare, senza entrare per forza di cose in competizione. Dicevo a livello mentale le donne non saranno mai come gli uomini, nel senso che l'uomo ha una conformazione mentale adatta alla guerra, alla tecnologia e a tutto quello che è manuale, con una gran dose di aggressività, utile proprio nei combattimenti, direi molto di più della donna, la quale invece è più riflessiva, e con gran facilità a pensiero astrattivo e direi anche con un ottimo livello di tattica, che in una situazione di guerra è bene che ci siano le donne, Invece ritengo per altre ragioni, secondo me, non sono adatte alla guida di veicoli molto potenti come aerei supersonici, elicotteri da combattimento, e comunque sia aerei in generale, non è una questione di razzismo, nella maniera più assoluta, ma ritengo che il maschio proprio per la sua natura, intrinseca sia più adatto a questo genere di mansione specie nei ruoli militari, mentre potrebbero occupare posizioni a terra, anche perchè le donne proprio per la loro stessa natura hanno diverse problematiche specie ormonali che potrebbero determinare instabilità e questo potrebbe mettere a rischio anche una missione o voli di qualsiasi genere. Non per discriminare ma io la penso così. Dopo tutto è la donna che porta avanti le gravidanze non il maschio, e quindi essa non è adatta in senso generale del termine ad essere un soldato. Ma nell'esercito Russo ci sono donne? Forse ce ne sono, ma ho sempre visto che i soldati sono sopratutto uomini, mi chiedo perchè?

Personalmente temo che la donna sia stata fatta entrare nell'esercito per innumerevoli proteste delle femministe dal 68 in poi, più che per un vera volontà dei vertici degli eserciti. Mi chiedo ma perchè non creare un esercito per sole donne, invece che misto? 

Secondo me funzionerebbe meglio, anche perchè oggettivamente parlando le donne possono essere motivo di distrazione, è connaturato alla natura stessa della donna che sia così. 


Non dimentichiamoci anche Dio ha un esercito, lo dice anche Gesù, per cui se Dio ha un esercito che lo protegge perchè noi uomini dobbiamo privarcene, lo ebbe anche il Vaticano in tempi passati.

Pronto Soccorso Animali.

Pronto soccorso animali Tv Questo annuncio è per un amico che mi ha chiesto di far crescere questa pagina a favore degli animali e di qua...