domenica 18 dicembre 2016

IL DESTINO DEL MONDO !?


Problema climatico!


Link:Leader Climatici: rendete Trump irrilevante!

FIRMA LA PETIZIONE

Ai sindaci, governatori e amministratori delegati USA:
Vi chiediamo di collaborare affinché vengano raggiunti gli obiettivi degli Stati Uniti sul clima, a prescindere dall'operato dell’amministrazione Trump. Avete il potere di definire scadenze ambiziose per il passaggio al 100% di energia pulita e verso una mobilità sostenibile, e smettere di sostenere i combustibili fossili. Senza l’impegno degli USA, siamo tutti in pericolo. E se Trump decide di scaricare il Pianeta, il nostro futuro è nelle vostre mani.

410.413 hanno firmato. Arriviamo a 500.000
Un uomo potrebbe distruggere il futuro del pianeta tra 34 giorni. Sì, Donald Trump.

E non dovrà neanche usare le atomiche, gli basterà mantenere la promessa di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo di Parigi sul clima, e che lo seguano altri dei più grandi paesi inquinanti come India o Russia!


Ma abbiamo una soluzione: rendere Trump irrilevante.

La California, New York e imprese come Google hanno già reagito ponendosi degli obiettivi ancora più ambiziosi per ridurre le loro emissioni. E se ora li convinciamo a fare da apripista a una coalizione di città, regioni e aziende che, tutte assieme, facciano rispettare gli obiettivi USA sul clima, l’accordo di Parigi può resistere. Indipendentemente da Trump.

Consegnano un milione di firme da tutto il mondo!


Il virgolettato nella foto di Trump: "Non è che creda tanto nel surriscaldamento globale".


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Secondo questo articolo, si può arrestare la distruzione del nostro abitat, fermando in qualche modo Trump, curiosamente si vuol colpire solo lui, perchè pare secondo questo articolo che non voglia più aderire all'accordo per il controllo dell'inquinamento planetario.

C'è però da porsi una domanda quanti decenni sono passati da quanto i primi ricercatori avevano detto che bisogna invertire la tendenza? E quando mai i vari accordi sono stati rispettati dagli stati? Possiamo rispondere così a queste due domande, oramai è molti decenni che si fanno manifestazioni e conferenze sul clima, ma tutti inconcludenti, anzi per aver fatto peggio del peggio e avere fatto credere alle popolazione mondiale, che gli stati s'impegnavano teoricamente di ridurre le emissioni, cosa per altro mai avvenuta realmente, se non in qualche raro caso, ma in senso globale del termine la condizione dell'inquinamento sono andate via via peggiorando, da cosa si evince, che questi convegni dove per altro si spendono milioni, non servono assolutamente a nulla, perchè ogni stato non rinuncia di certo, al suo status vitale, alla sua economia alla sua ricchezza e tutti dicono, faranno i nostri figli e figli dei figli, così tutti pensano solo a rifocillarsi e avvenire meglio che possono il momento breve di questa loro vita, senza realmente pensare al futuro di questo pianeta, ne all'umanità, una sorta di menefreghismo generalizzato e un tantino masochista, anzi decisamente masochista, ed incurante per la biodiversità che esso contiene, anche se tutti lodiamo gli sforzi di taluni per salvaguardare le specie animali e vegetali in esso contenuti, ma poi gli stessi che compiono questi sforzi vivono anch'essi con le stesse tecnologie e opportunità di tutti gli altri, in un modo fortemente inquinante e distruttivo di se stesso. Ma allora qualcosa non torna, non possiamo noi dire, proteggo quella specie, poi vivere come il resto della massa del pianeta producendo inquinamento perchè sfruttiamo la stessa tecnologia che lo produce che senso ha, nessuno, poi qualcuno salta fuori che vuole fare queste campagna insensate, che dovrebbero arrestare o mettere in brutta luce un politico preso ne mucchio, pensando che così facendo, si possa evitare la degradazione e distruzione dell'habitat della biodiversità terrestre, niente affatto, queste campagne non hanno il vero scopo di porre per esempio Trump in brutta vista, rispetto al mondo intero, ma in realtà il loro scopo è quello di trasferirgli tutta la responsabilità di un secolo di inquinamento protratto da tutti, come se fosse egli il reale responsabile di questo disastro; personalmente ritengo che questa sia un operazione volta demolire Trump, e renderlo antipatico alle masse, non per il fatto dell'inquinamento, ma per ragioni politiche diverse da quelle proposte da questo assurdo proposito di raccogliere firme contro di Lui. Ritengo invece che Trump abbia ben capito che la questione è una farsa, quella di far credere ai popoli del mondo che non si voglia più non inquinare, perchè come abbiamo sempre visto e come sarà sempre in questo genere di mondo, con questa ottica mentale dello sfruttamento sconsiderato delle risorse. L'accordo di Parigi, è un ennesima farsa. come lo sono state tutte le precedenti, che hanno in realtà portato ben poco beneficio al pianeta, perchè se veramente gli stati avessero fatto quanto avevano firmato, cosa disattesa completamente se non in piccolissima insignificante parte, ma per il resto non è servito assolutamente a nulla, per cui ovviamente perchè firmare un accordo Bufala, quando tutti sanno benissimo che le emissioni non diminuiranno? Giustamente Trump ha capito che la questione è proprio questa, aderire ad un bufala per far credere la mondo che tutto va bene e che qualcuno vuol far qualcosa, quando nessuno farà nulla, o troppo poco per poter arginare il dramma che stiamo già vivendo. 
L'accordo di Parigi non servirà a nulla, perchè per invertire l'andamento climatico e tutte le varie conseguenze attuali per i prossimi decenni, dovremo fermare adesso subito in questo preciso istante ogni attività industriale che produca inquinamento, ma nessuno accetterà mai una cosa del genere, non siamo tecnologicamente avanzati per far una cosa del genere, non abbiamo strutture per lo smaltimento degli inquinati, e non conosciamo tecnologie che possano sostituire in toto tutta la nostra attività industriale al fine di non inquinare più il pianeta, per cui cosa significa che finché la tecnologia non si evolverà e non inquinerà più, tutti questi accordi sono solo delle farse, nessuno in realtà vuole tornare a 3 secoli indietro, per cui si continua finché qualche evento catastrofico prodotto da noi stessi senza nemmeno che ce ne accorgiamo decreterà la fine di buona parte di questo mondo, e certamente la fine di questa tecnologia. Quindi questa manciata di voti protesta non serviranno assolutamente allo scopo ma semmai potrebbero essere usati contro il futuro presidente Trump, per ben altri scopi. Se Trump ha deciso una cosa del genere sa benissimo che è una cosa che nessuno dei paesi aderenti, in realtà fa quanto stabilito, vorrei vedere se a distanza di un solo anno, quanto le emissioni reali sono diminuite, scommetto che saranno aumentate, com'è sempre avvenuto, quindi finiamola con gli intenti, non servono a nulla e a nessuno, e decidiamoci di fare le cose, serie non prendere per in fondelli i popoli, come si è sempre fatto. Che sia vero un surriscaldamento o un congelamento del clima, non cambia nulla, perchè tanto non c'è nessuna volontà reale di nessuno di far realmente nulla. Il problema fondamentale è che gli stati nel mondo sono profondamente in competizione l'uno con l'altro, per cui ognuno è sovrano a casa sua e ognuno fa quello che gli pare; con un idea di questo tipo, non si va da nessunissima parte.
Semmai Trump si dovrebbe impegnare a dimostrare agli altri cosa significa adottare un tecnologia che non inquini, forse anche in questo potrà conquistare più meriti, agli occhi del mondo, e far bene a tutto il mondo. 

LA FINE DELL'ESTATE!

Le tre potenze del mondo RUSSIA, USA, CINA devono far il possibile perchè la guerra atomica non si manifesti, la smettano di litig...